A Rocch di Mauro Pecchenino

È un susseguirsi di battute in levare, quelle di Pete e Melod. Una sequenza ritmica che sconfessa la prima impressione. Le legature si inseguono ma ciò che determina l’andamento non è l’impulso di Pete – l’apparente gestore della melodia ricercata – ma l’accoglimento ritmico, totalmente femmineo, dell’accompagnamento di Melod che si fa, alla fine fraseggio. La sonorità complessiva è il frutto di una inversione dei ruoli musicali, come nel jazz ove i movimenti deboli assurgono a caratterizzanti del pezzo. Un po’ come accade nella vita, in cui, spesso, sono le non scelte a determinare gli eventi, il senso di marcia e, in finale, l’opzione definitiva. Un po’ come una scelta di vita che affida all’altro da sé, al tocco lieve dello scambio effimero, il divenire, fino al gesto ultimo, se e quando si raggiunge una consapevolezza. Che si può anche giudicare come insopportabile.

Nello spazio/tempo descritto da Pecchenino per questa non-coppia contemporanea, quella dimensione esclusiva ed effimera rappresentata dal loro incontro, tutto è gestito da lei e in controbattuta da lui.

a rocch
A Rocch di Mauro Pecchenino. Il Mio Libro – Gruppo GEDI Spa – 2019 – Roma

A nulla vale il susseguirsi e l’inseguirsi, in una giravolta multisensoriale di un mondo che è diventato, allo stesso tempo, piccolo e infinito, apparentemente disponibile e irraggiungibile, inafferrabile. Forse addirittura non conoscibile, pur avendolo totalmente a disposizione. Sembra che il destino, come spesso capita quando la vita non si agisce, ma ci si fa agire dal suo ritmo, rappresenti come un buco nero supermassiccio: un centro d’attrazione al quale non ci si può opporre.

I Sapori, i colori, i profumi e i linguaggi si inseguono e si intersecano dietro ad ogni angolo di un pianeta che la nostra generazione ha nella sua disponibilità come quelle precedenti avevano solo dei loro piccoli borghi o quartieri. Nelle infinite giravolte, inseguendo impegni di vita che sembrano più una scusa per non scegliere di vivere, Pete e Melod sembrano rimbalzare al primo semplice contatto, come a rifiutare ciò che potrebbe consentire loro di entrare nel loro profondo. Come se il loro personale senso dell’essere sia, in estrema sintesi, ricostruibile più nel susseguirsi di accadimenti che non nell’accadere di cose. La loro essenza sembra condensarsi, paradossalmente, nella rincorsa sensoriale e nella incomprensibilità del senso.

Melod è una ragazza di oggi, una donna che ha potenzialmente tutto il mondo a disposizione, ma surfa sull’esistenza evitando di penetrarla, di farla propria. Un surfare che potrebbe essere percepito come scelto per comprendere la qualità delle cose e il senso della vita e che invece porta, inevitabilmente, a negare le possibilità che la vita ci dona di comprendere se stessa. Come vite ossimoriche che hanno a disposizione tutto e non comprendono il senso dei sensi, quello dell’amore.

È nel piano sequenza delle micro scelte del fare che si compone il multicolorato filo del romanzo, un filo che connette luoghi, paesaggi, sapori e incontri. Qui Pecchenino si fa abile filatore, facendoci comprendere che quei luoghi, quei sapori, quei colori sono già passati per i suoi sensi, elaborati sottoforma di esperienze che sono ri-donate a quelle del lettore. Un po’ come ci consegna spesso la vita: comprenderne il senso attraverso i vuoti lasciati dalle esperienze che avrebbero potuto e che non sono state.

Pete e Melod, il romanzo che ci riconsegna un Pecchenino scrittore, ricerca una sorta di “rilassamento non rassicurante”, ove il ritardo della apparente linea melodica di Pete viene egemonizzato dal ritmo portante di Melod. Un romanzo che è consigliabile leggere in cuffia.

A Rocch di Mauro Pecchenino, Edizioni Gruppo Editoriale Gedi. 6,50 Euro



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Avatar
Sergio Bellucci, giornalista e scrittore, dirigente politico e manager, ha scritto numerosi editoriali, articoli e saggi sui temi della comunicazione e della società dell'informazione. Membro del Comitato d'Onore dell'Osservatorio Internazionale sull'Audiovisivo e la Multimedialità (OIAM) della Fondazione Roberto Rossellini per l'Audiovisivo. È stato dipendente del gruppo Fininvest dal 1978 e fino al 1993, durante tale periodo ha svolto anche attività sindacale nella CGIL come membro della Segreteria Nazionale della FILIS. Dal 1995 al 2006 è stato responsabile nazionale della Comunicazione per il Partito della Rifondazione Comunista. Dal febbraio del 2013 è direttore del quotidiano Terra e nel 2014 è diventato Presidente della Free Hardware Foundation Nel libro E-work. Lavoro, rete e innovazione analizza l'impatto delle nuove tecnologie digitali sulla vita umana con una particolare attenzione al mondo del lavoro. Secondo le sue analisi, l'avvento del digitale comporterebbe una "nuova organizzazione scientifica del lavoro", definita "taylorismo digitale", attraverso un impiego distorto della rete. Nelle tesi di E-work si prospetta la nascita del "lavoro implicito", il lavoro effettuato obbligatoriamente, senza nessuna retribuzione e attraverso strumentazione a carico del lavoratore, che le piattaforme digitali stanno espandendo nel loro ciclo produttivo. Insieme a Marcello Cini ha scritto “Lo spettro del capitale. Per una critica dell'economia della conoscenza” analisi del cambiamento epocale del capitalismo avvenuto negli ultimi venti anni: il passaggio da un'economia materiale ad un'economia immateriale, che produce un bene intangibile e non mercificabile: la conoscenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here