Appuntamenti con l’ingegno. L’Arte nei secoli alla Luiss: i motivi di un successo italiano

Si è svolto ieri, lunedì 6 maggio, alle ore 17, a Villa Blanc, presso  la sede della Luiss Business School, l’atteso evento Appuntamenti con l’ingegno – Anno III. L’Arte nei secoli: i motivi di un successo italiano. Il convegno, promosso in collaborazione con il Comitato Leonardo – Italian Quality Committee, ha avuto l’obiettivo di valorizzare l’eccellenza italiana nel settore dell’arte. Hanno aperto i lavori il Rettore Luiss Andrea Prencipe e la Presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini. A seguire, la tavola rotonda con: Francesco Casoli, Presidente Gruppo Elica, Elena Gigli, Storica dell’Arte, Antonio Lampis, Direttore Generale Musei del MiBAC, Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI, Daniela Porro, Direttore Museo Nazionale Romano, Marcello Smarrelli, Direttore Artistico Fondazione Ermanno Casoli, Benedetta Torino, CEO NSPRD. Ha Moderato e concluso l’evento la Vice Presidente Luiss Paola Severino

arte nei secoli
Villa Blanc, sede della LUISS

E’ il lato economico dell’arte italiana, ossia quando la creatività riesce a farsi modello di business. In che modo l’Arte può tradursi in stimolo per ripensare il modo di fare impresa?  “Ci sono valori in cui l’Italia è capofila-spiega Paola Severino, vice presidente Luiss-Così, dopo i temi de cibo e della moda, come modelli vincenti di Made in Italy, affrontati dai primi appuntamenti con l’Ingegno, ora la Luiss sceglie l’Arte, come un’idea di un business nuovo che punta sulla cultura”. E nello specifico la Severino pensa al ruolo chiave di una formazione multidisciplinare (master a carattere internazionale e tirocini strategici), a un nuovo concetto del legame tra Arte ed Economia, allo sviluppo delle capacità manageriali nel mondo dell’Arte, alla riformulazione di alcuni aspetti giuridici inerenti la tutela del patrimonio storico-artistico.

arte nei secoli
Il Borgo di Solomeo in Umbria

Nell’anno che intende festeggiare la genialità di Leonardo da Vinci nel mondo non mancano certo esperienze significative di personalità contemporanee. Luisa Todini-presidente del Comitato Leonardo che raggruppa oltre 160 tra imprenditori e uomini di cultura, da Diego Della Valle impegnato sul fronte dei restauri al Colosseo, a Brunello Cucinelli per il progetto di rinascita del Borgo di Solomeo-tiene a ricordare quando nel “XII° secolo nascevano le corporazioni delle Arti e dei Mestieri, e oggi si continua a raffinare questo percorso visto che noi siamo figli di quelle corporazioni e di un mecenatismo a servizio dell’arte. Ecco perché è necessario sostenere il nostro patrimonio”.

Tutela e valorizzazione, passando per il potenziamento del settore educativo, sono i suggerimenti di Daniela Porro, Direttrice del Museo Nazionale Romano, per implementare il numero dei visitatori, mentre di progetti privati a sostegno dell’Arte ha parlato Marcello Smarrelli, Direttore della Fondazione Ermanno Casi.

arte nei secoli
Diego Della Valle

La sperimentazione, invece, è il trait d’union delle strategie espositive della Fondazione MAXXI, guidata da Giovanna Melandri, che ha annunciato l’imminente accordo con la Triennale di Milano per il design e la partecipazione al Padiglione Italia per l’Expo di Dubai 2020. I cambiamenti in essere nell’attuale percezione dei Musei sono stati analizzati da Antonio Lampis, Direttore Generale dei Musei del Mibac: “I musei oggi sono il principale successo italiano. Solo i musei statali producono l’1,6 del Pil. Se poi continueremo a lavorare con i livelli di qualità attuali e perfezioneremo le cose, con i musei statali si può arrivare al 2%, ossia lo stesso reddito prodotto dall’agricoltura. Negli ultimi tre anni-conclude Lampis-dal 2014 al 2017 il pubblico è cresciuto del 24%, a fronte di una crescita del 40% degli incassi. E il 2018 si è chiuso con un ulteriore 5% di crescita”. E pensare che c’era qualcuno che affermava che “con la cultura non si mangia”. Italian Graffiti di un’epoca che auspichiamo tramontata per sempre.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Paolo Spirito
Trentino di nascita (Cles, 19/08/1955), vive e risiede a Roma. Laureato in Lettere Moderne con Lode nell’A.A. 1979-80, presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Giornalista Pubblicista, Programmista-Regista RAI e Autore Televisivo, già Responsabile dell’Ufficio Teatro Prosa della Presidenza Nazionale dell’A.G.I.S.-Associazione Generale Italiana dello Spettacolo. Ha collaborato alla realizzazione di molti programmi di successo: “Scuola Aperta”, “Italiano e Italiani, oggi nel mondo”, “Pronto…Chi Gioca?”, “Il Piacere di Conoscere”, “L’Ago della Bilancia”, “Tutto sul Due”, “I Fatti Vostri”, “Detto tra noi”, “Cronaca in Diretta”, “Made in Italy”, “Uno Mattina Estate”, “Check Up”, “Una notte a Sirminione”, “Uno Mattina Sabato & Domenica” e per ultimo “Linea Verde” per Raiuno cui attualmente collabora. Autore di documentari televisivi, ha ideato e diretto: “Pieve di Cadore Film Festival”, “BrixenART Film Festival”, “Flower Film Festival di Assisi”, “Valsolda Schermi d’Arte 2012”, “Ponza Schermi d’Arte”, “Capri Schermi d’Arte”, “Furore, Schermi d’Arte 2015-Massimo Ranieri, l’Avventura del Cinema”, “Minori, Schermi d’Arte 2018”, “Genzano, Schermi d’Arte 2018: Omaggio a Toni Servillo”. Nel 2007 ha scritto soggetto e sceneggiatura del film “Sogni Reali” con Giorgio Albertazzi e Paola Saluzzi. Il 10 ottobre 2015 gli è stato conferito, nel Comune di Furore (SA), il Premio Furore di Giornalismo per la sua lunga attività a Linea Verde Raiuno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here