di Tiziana Buccico e Gioele Zisa

Quando l’ultimo martedì dell’anno persiano si va concludendo e si avvicina la notte del mercoledì, le strade e le piazze delle grandi città, così come dei piccoli villaggi, dell’Iran si illuminano del caldo color rosso del fuoco: è la notte del Chahāršanbe-sūrī.

Se chahāršambe significa “mercoledì”, il termine sūr è da intendere come una variante di sorkh (rosso) e dunque come riferimento sia al fuoco che al “colorito roseo”” (sorkhī), indicante buona salute. I preparativi del Chahāršanbe-sūrī iniziano qualche giorno prima dell’ultimo mercoledì dell’anno, quando si raccolgono i cespugli che nel pomeriggio del martedì vengono disposti in fasci di uno, tre, cinque o sette (sempre in numero dispari), distanziati di qualche metro l’uno dall’altro, nel cortile di casa o in una piazza o strada.

Non appena tramonta il sole, questi fasci vengono accesi e, al crepuscolo, uomini, donne e bambini vi saltano sopra, pronunciando la formula: sorkhī-ye to az man, zardī-ye man az to “il tuo rosso a me, il mio giallo a te”.

Durante il salto, le persone acquisirebbero il color rosso del fuoco, simbolo di forza e salute, abbandonando il giallo delle malattie e delle sofferenze. Si ritiene, infatti, che questo rituale renda immuni per un anno intero da malattie e disgrazie. Che il fuoco simboleggi l’annullamento dell’anno trascorso è testimoniato dalla pratica ancora diffusa di gettare sul fuoco un oggetto vecchio di cui ci si vuole disfare.

Chahāršanbe-sūrī_Buccico
Chahāršanbe-sūrī, anche se a distanza ed in casa anche io ho voluto mantenere fede alla tradizione.

Nelle ore successive, dopo che tutti i membri della famiglia e gli amici hanno saltato sul fuoco, lo si lascia estinguere. Successivamente le ceneri, cariche simbolicamente della sporcizia invernale dell’anno trascorso, sono seppellite, di solito da una ragazza che non ha ancora raggiunto la pubertà, in campi lontani dalle abitazioni. La ragazza potrà far ritorno a casa solo dopo aver pronunciato la seguente formula: “Chi è?” “Sono io”; “Da dove vieni?” “Da un matrimonio”; “Che cosa porti?” “Buona salute”. Tale pratica rituale sancisce il riconoscimento del passaggio del tempo, dall’inverno alla primavera.

Un rituale di grande importanza è il qāšoq-zanī, “sbattere il cucchiaio”. Dopo i vari “giochi di fuoco” (ātašbāzī), quando il buio della notte è ormai calato, le ragazze e i ragazzi si celano sotto lunghi chādor, attuando un vero e proprio travestimento, e si recano alle porte delle case dei loro vicini, sbattendo un cucchiaio su una ciotola. Il padrone di casa regala loro ājīl (frutta secca), dolcetti o monete. Essi rappresentano i morti, richiamati dall’avvento del nuovo anno, a reclamare quanto spetta loro, in quanto entità ctonie garanti dell’ordine naturale e sociale.

Il fuoco è simbolo di purificazione, di allontanamento del male e di annullamento del vecchio, ma allo stesso tempo di rigenerazione e rinnovamento. Grazie al fuoco gli iraniani si lasciano alle spalle le sofferenze, i sacrifici e le disgrazie che l’anno trascorso ha arrecato loro, proiettandosi verso un auspicato nuovo anno ricco di gioie e fortune.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Tiziana Buccico
Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.