La prima giornata della terza stagione del Civita Cinema 2019 parte con il botto con l’ospite Giovanni Veronesi che ha ammaliato e divertito la platea con il suo accento toscano e con storie, aneddoti e spunti di riflessioni. Il piazzale Biondini di Bagnoregio ha ospitato un pubblico numeroso che ha assistito all’intervento del regista di successo di film come Che sarà di noi e Manuale d’Amore, nonché storico sceneggiatore di Pieraccioni.

Ad accoglierlo sul palco, insieme ai direttori artistici del Festival Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, il sindaco di Bagnoregio Luca Profili. “Il cinema fa parte della storia di questo territorio. Sono passati per Bagnoregio Fellini, Totò e Sordi; vogliamo continuare a portare i grandi di questo linguaggio espressivo così potente. In questi giorni Civita, grazie a ‘Puoi baciare lo sposo’ è nelle sale cinematografiche della Cina. Il cinema è strumento formidabile di promozione e ne siamo pienamente consapevoli”, le parole del primo cittadino.

programma civita cinema 2019
Valeria Solarino e Giovanni Veronesi

Dopo aver ricevuto dall’assessore Elena Gentile il premio Civita Cinema, Veronesi ha iniziato a raccontarsi. Dall’amicizia profonda che lo lega a Francesco Nuti e Pieraccioni a quel mese incredibile che ha visto sempre presente a casa il mito Robert De Niro, durante le riprese di Manuale d’amore.

Tra una risata e l’altra, il regista ha anche affrontato temi importanti come quello del rispetto dell’ambiente e di quanti disastri sono stati fatti dalle generazioni oggi adulte, condividendo con il pubblico anche la sua preoccupazione per il continuo migrare di giovani all’estero in cerca di lavoro, sfiduciati dalle possibilità che il Bel Paese ha da offrire loro. Arriva così al tema cardine del suo film Non è un paese per giovani, proiettato nella notte di piazzale Biondini. “Le nuove generazioni non si sognerebbero mai di gettare le cicche delle sigarette a terra o le bottiglie di plastica in mare. Chi è venuto prima l’ha fatto senza preoccuparsi di nulla. Eppure ogni anno, secondo le statistiche, l’Italia perde 120mila ragazzi. Non torneranno e a breve saremo una società con un buco generazionale: mancheranno i trentenni”. Queste le parole di Veronesi.

Ad aprire la giornata di giovedì 27 giugno, sono stati i due documentari Amaranto di Emanuela Moroni, Manuela Cannone e DentroFuori di Roberto Orazi, in concorso al Festival. Due racconti con due punti di vista diversi sull’essere umano, sulla sua condizione e sull’importanza delle scelte.

Il programma continua con altri 3 giorni ricchi di eventi:

  • venerdì 28 giugno ore 21.30 – Piazzale Biondini – Vittorio Sgarbi presenta “Leonardo da Vinci”
  • sabato 29 giugno ore 21.30 – Piazzale Biondini – incontro con Pupi Avati e proiezione del film “Un ragazzo d’oro”
  • domenica 30 giugno ore 18.30 – Belvedere – incontro con Nicola Piovani, a seguire ore 21.30 Piazza Cavour Concerto di chiusura di Nicola Piovani “La musica è pericolosa”

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.