Claude Monet è un esempio di come, quando non si è preparati al diverso, la denigrazione rovini le sorti di un uomo. In questo caso di un artista

Claude Monet
Secret Garden – PhotoCredit: gallerieswest.ca

Un artista incompreso

Claude Monet, per le cui opere attualmente si fanno file mostruose, è stato un pittore di panchina, un personaggio etichettato inconcludente perché l’Impressionismo era considerato fatuo.

Inutile prendersela con i Saloni Ufficiali che lo relegarono a tale ruolo.  A discolpa delle incaute valutazioni che confezionarono, possiamo immaginare che, il suo modo di esprimersi nella pittura –tanto rivoluzionario per i tempi- non era così comprensibile come, invece, oggi.

Inseguiva le luci atmosferiche, come un folle, per catturare i chiaroscuri che erano nella sua testa. E non impelleva in lui l’urgenza di essere fedele alla Natura di fronte, lasciava agli altri artisti il compito di ritrarre un ponte, una nave, un giardino, lui ambiva a forgiare l’aria intorno. Era la sua impressione sulla fugacità dei contorni, così variabili a seconda della luce, a interessarlo. Era la difficolta di eseguire quel tipo di luce e farla propria a renderla necessaria al quadro e a sé stesso.

Claude Monet
Porte d’Aval – PhotoCredit: clarkart.edu

Questo modo diverso di raccontare gli ambienti lo ha reso inutile alla società che, invece, voleva si ritraesse quanto essa stessa percepiva e vedeva. Non qualcosa di sfumato, di rado.

Il ragazzino che ritraeva caricature

Eppure, se si fosse fermato ad una percezione comune, non avrebbe reso al mondo un capolavoro dopo l’altro, una storia dopo l’altra. Tanta energia sarebbe rimasta strozzata dalla forma, dai giudizi degli altri e oggi le sue opere sarebbero desuete, non scalfirebbero l’emozione di generazioni più lontane da quelle a cui si rivolgeva nell’Ottocento.

Claude Monet
L’artista tra le sue ninfee PhotoCredit: germanopratines.fr

Il suo calarsi nell’aria, en plein air, di fronte al mondo, lo rendeva meno schiavo di tanti concetti, regole. E quella sua devozione per le atmosfere variabili, che pure potevano sembrare delle catene, erano, anzi, una sfida e anche un sostegno contro la povertà, le vicissitudini familiari, l’incomprensione.

Claude Monet è, IL, pittore impressionista. È quel ragazzino che, ancora inesperto, vendeva agli angoli delle strade le caricature dei suoi vicini di casa. È quel talento che si trova mischiato tra le sue tempere sfumate.

60 opere di Monet

dal Musée Marmottan di Parigi 

fino al 3 Giugno a Roma

nella sede del Complesso del Vittoriano – Ala Brasini

Della stessa Autrice:

Il Vittoriano

Mostra su Francesco Pasinetti

Mostra su Totò Genio

Mostra su Anna Magnani

 


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche: