In un mondo da molti ritenuto civilizzato, ancora troppo spesso sentiamo parlare di abusi su minori. Spesso però se ne parla a bassa voce, per paura di essere ascoltati, o per timore di essere fraintesi. Sono pochi gli artisti che hanno avuto il coraggio di parlarne, e chi, invece, è stato tanto scaltro si è ritrovato incatenato. Come accadde a Ron, Lucio Dalla e alla paroliera Paola Pallottino per la loro meravigliosa canzone: Il gigante e la bambina.

Il gigante e la bambina – il testo

il gigante e la bambina
sotto il sole contro il vento in un giorno senza tempo camminavano tra i sassi (http://www.ilmessaggioteano.net)

Il gigante e la bambina
sotto il sole contro il vento
in un giorno senza tempo
camminavano tra i sassi

Il gigante è un giardiniere
la bambina è come un fiore
che gli stringe forte il cuore
con le tenere radici

E la mano del gigante
su quel petto di creatura
scioglie tutta la paura
e’ un rifugio di speranza

Del gigante e la bambina
si e’ saputo nel villaggio
e la rabbia da’ il coraggio
di salire fino al bosco

Il gigante e la bambina
li han trovati addormentati
falco e passero abbracciati
come figli del signore

Il gigante adesso e’ in piedi
con la sua spada d’amore
e piangendo taglia il fiore
prima che sia calpestato

Camminavano tra i sassi
sotto il sole contro il vento
in un giorno senza tempo
il gigante e la bambina
camminavano tra i sassi
sotto il sole, contro il vento

Il dolce canto di una tragedia censurata

il gigante e la bambina
Ron e Lucio Dalla (http://www.allmusicitalia.it)

Dalla penna della storica d’arte, illustratrice e paroliera italiana Paola Pallottino e dalla sensibile genialità di Lucio Dalla nasce quella che poi è divenuta una delle canzoni più belle interpretate da Ron. Ma Il gigante e la bambina è stata anche una delle canzoni più criticate e censurate. Perchè? Il testo de Il gigante e la bambina, come è ormai noto, è stato ispirato da una tragica storia vera. La canzone, infatti, narra la storia di una bambina che viene stuprata ed ammazzata da un pedofilo. Una storia che ad oggi, purtroppo, continua a ripetersi. E’ la narrazione di uno dei crimini peggiori che un uomo può commettere. Eppure, quando, per la prima volta Ron la interpreta, viene censurato! La paroliera, difatti, nel 1971, alla prima uscita al pubblico della canzone, è stata costretta a modificare il testo. Un testo che ad un primo ascolto può sembrare un bel racconto, dolce, di amicizia ed affetto. Una bella favola per bambini. Ma dietro quelle dolci parole, ahimè, si nasconde il male più grande: la pedofilia.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!