Un modello unico per l’Architettura. E’ come dire addio alla Cappella Sistina”. Con queste parole l’insigne Storico dell’Arte Arturo Carlo Quintavalle ha voluto commentare su Il Messaggero di stamane i danni arrecati alla Basilica di Notre Dame de Paris in seguito al rovinoso incendio, scoppiato per cause ancora tutte da appurare nel tardo pomeriggio di ieri e seguito dalle telecamere di tutto il mondo.

E qui è doverosa una prima, anche se tristissima considerazione: credo trattarsi di una delle poche-e auspichiamo uniche- volte che l’Umanità segua in diretta la distruzione di un’opera d’arte, come la Basilica di Notre Dame de Paris, non solo Patrimonio Unesco e scrigno incommensurabile di capolavori unici al mondo (penso solo alla bellezza delle sue Vetrate, perse per sempre), ma testimone parlante del millenario patrimonio cristiano dell’Europa, l’unico forse in grado di ricostruire quella Casa Comune Europea, oggi così declassata e bistrattata dalle varie Brexit e dagli insulsi rigurgiti populisti e sovranisti.

notre dame
La Cattedrale di Notre Dame di Parigi distrutta dalle fiamme. Photo credit: www.abc15.com

E’ vero, in passato c’erano stati gli incendi del Teatro La Fenice di Venezia-poi risorto dalle sue stesse ceneri ma che non ha più il fascino d’antan che possiamo ritrovare ad esempio in alcune celebri sequenze di “Senso” di Luchino Visconti– e l’11 settembre delle Twin Towers a New York, paragonato dal compositore Karlheinz Stockhausen addirittura a “un capolavoro”, specificando meglio il senso della sua affermazione: “Volevo solo dire che Lucifero è tra noi, come provano i fatti dell’ 11 settembre, che non ho mai visto perché non ho la televisione, ma che considero un capolavoro luciferino nel senso di massima furia criminale e distruttiva”.

La seconda considerazione è per così dire più di carattere tecnico-logistico: come mai il tetto ligneo della Basilica di Notre Dame de Paris non era dotato di un impianto anti-incendio? C’era ed era stato disattivato causa i lavori di restauro in corso? E su disposizione di chi? Tutte domande per ora in sospeso, ma sulle quali si spera che le varie commissioni d’inchiesta riescano a dare a breve risposte certe e incontrovertibili.

La terza considerazione è affidata alla forza della Fede: In Cruce, in Luce. Ieri ha avuto inizio la Settimana Santa, e alla Città di Parigi, purtroppo, è toccata una Prima Stazione infinitamente dolorosa della sua attuale Via Crucis, che da mesi a questa parte, oltre i persistenti pericoli del terrorismo islamico, la vede oggetto di saccheggi e rapine da parte delle frange più oltranziste dei gilets jaunes.

notre dame
La Cattedrale di Notre Dame di Parigi distrutta dalle fiamme

Anche se in queste tragiche ore prevale umanamente lo sconforto e il dolore per i danni arrecati dal rovinoso incendio all’amatissima Basilica di Notre Dame de Paris, simbolo stesso non solo di Parigi e della Francia tutta, ma della storia millenaria dell’Europa Cristiana, auspico a breve una mobilitazione mondiale delle coscienze di tutti gli Uomini di Buona Volontà per ricostruire, com’era e dov’era, uno tra i più insigni monumenti della Storia dell’Arte e della Fede di tutti i secoli.

La Luce che emana dalla Croce di Cristo, in quel che resta degli interni della Basilica di Notre Dame de Paris, sia l’icona di questa Santa Pasqua di Resurrezione e Vita. Vicino all’amatissima Città di Parigi e alla Nazione Francese con le mie preghiere e con il mio immenso affetto.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Paolo Spirito
Trentino di nascita (Cles, 19/08/1955), vive e risiede a Roma. Laureato in Lettere Moderne con Lode nell’A.A. 1979-80, presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Giornalista Pubblicista, Programmista-Regista RAI e Autore Televisivo, già Responsabile dell’Ufficio Teatro Prosa della Presidenza Nazionale dell’A.G.I.S.-Associazione Generale Italiana dello Spettacolo. Ha collaborato alla realizzazione di molti programmi di successo: “Scuola Aperta”, “Italiano e Italiani, oggi nel mondo”, “Pronto…Chi Gioca?”, “Il Piacere di Conoscere”, “L’Ago della Bilancia”, “Tutto sul Due”, “I Fatti Vostri”, “Detto tra noi”, “Cronaca in Diretta”, “Made in Italy”, “Uno Mattina Estate”, “Check Up”, “Una notte a Sirminione”, “Uno Mattina Sabato & Domenica” e per ultimo “Linea Verde” per Raiuno cui attualmente collabora. Autore di documentari televisivi, ha ideato e diretto: “Pieve di Cadore Film Festival”, “BrixenART Film Festival”, “Flower Film Festival di Assisi”, “Valsolda Schermi d’Arte 2012”, “Ponza Schermi d’Arte”, “Capri Schermi d’Arte”, “Furore, Schermi d’Arte 2015-Massimo Ranieri, l’Avventura del Cinema”, “Minori, Schermi d’Arte 2018”, “Genzano, Schermi d’Arte 2018: Omaggio a Toni Servillo”. Nel 2007 ha scritto soggetto e sceneggiatura del film “Sogni Reali” con Giorgio Albertazzi e Paola Saluzzi. Il 10 ottobre 2015 gli è stato conferito, nel Comune di Furore (SA), il Premio Furore di Giornalismo per la sua lunga attività a Linea Verde Raiuno.