Correva l’anno 1973. Ettore Vitale era un giovane grafico “di belle speranze”. Io dividevo il mio tempo di lavoro tra tv e partito. Avevo lasciato la sezione stampa e propaganda del PSI l’anno precedente dopo aver condotto la campagna elettorale in cui avevo prodotto una forte cambiamento nella comunicazione politica coinvolgendo disegnatori come Pino Zac e Enzo Lunari, grafici come Sergio Ruffolo e dando alle stampe un fotoromanzo  e distribuendo un disco a 45 giri di Pino Caruso.

Alla direzione della propaganda arrivò Fabrizio Cicchitto che non poteva certamente tornare a formule tradizionali della sinistra politica e quindi si spinse alla ricerca di una innovazione di linguaggio e su questa strada ebbe la fortuna di incrociare Ettore Vitale. Da quel momento la comunicazione del PSI ha vissuto una lunga stagione felice fino al garofano di Bettino Craxi che lo stesso Vitale aveva anticipato, sempre il quel 1973, con il manifesto per il Primo Maggio.

ettore vitale
ettore vitale

Che il “segno” di Ettore sia stato fortemente innovativo lo dimostra ciò che è accaduto in questi giorni a Roma, dove una organizzazione antifascista a ristampato il suo manifesto celebrativo del 25 aprile. Ma ancor di più lo dimostra la polemica, un po’ stupida e certamente frutto dell’ignoranza, che ne è seguita: l’onorevole Meloni di Fratelli d’Italia, vedendo il manifesto affisso per le strade di Centocelle, un vecchio quartiere romano, l’ha interpretato come riferito alle foibe, che come è noto, con il 25 aprile non c’entrano nulla. A dare un senso a tutto questo ci ha pensato lo stesso Ettore Vitale che ha colto l’occasione, in una intervista, per annunciare la prossima uscita di un prezioso progetto editoriale a cui lavora da molti anni, dedicato al “segno”. “Un impegno per i giovani, ha detto, che servirà anche ad evitare discussioni e polemiche tanto pretestuose quanto inutili”.  

Ettore Vitale Manifesto commemorativo 25 aprile
Ettore Vitale Manifesto commemorativo 25 aprile

Infatti proprio sul segno e sulla sua importanza, Vitale continua a portare avanti un lavoro molto importante: il libro si intitola “Ettore Vitale, segno, memoria, futuro”. “Sto cercando di trasmettere il valore dell’innovazione – dice Vitale -. Questo manifesto sul 25 aprile rappresentava una vera e propria rivoluzione. Fino a quel momento, questa data era raffigurata con immagini realiste. Io invece ho portato dentro la comunicazione del PSI l’innovazione del segno. Il segno ha una forza comunicativa che le immagini che ci circondano non sempre hanno, perché l’unicità del segno ci appartiene perché tracciato da noi, senza mediazioni esterne, il manifesto per il 25 aprile basato sul segno – conclude – è ancora attuale, visto che è stato riutilizzato, anche se in maniera impropria. L’innovazione, anche se immortalata in un manifesto di quasi 50 anni fa, ha una ragion d’essere ancora oggi».




Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Avatar
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.