Ogni anno a marzo, l’Accademia Norvegese di Scienze e Lettere decreta il vincitore del Premio Abel per la matematica. Quest’anno il prestigioso premio è stato assegnato a Karen Uhlenbeck, americana, 76 anni e professoressa emerita di matematica dell’Università del Texas ad Austin. Uhlenbeck ha vinto “per i suoi risultati pioneristici nel calcolo delle variazioni, nelle teorie dei gauge e nei sistemi integrabili, e per l’impatto fondamentale del suo lavoro sull’analisi, la geometria e la fisica matematica”.

L‘Abel Award è uno dei più importanti riconoscimenti per la matematica, e Uhlenbeck è ufficialmente la prima donna nella storia a vincere il premio.

Il premio Abel è un prestigioso, una sorta di Nobel per la matematica, riconoscimento che porta il nome del matematico norvegese Niels Henrik Abel, e che è stato assegnato per la prima volta nel 2002. Il re di Norvegia in persona consegna al vincitore il premio, su segnalazione di una giuria composta da cinque matematici internazionali.

Karen Uhlenbeck
Karen Uhlenbeck

“Le sue idee e la sua leadership hanno trasformato il panorama matematico nel suo insieme”, ha annunciato il comitato Abel.

Uhlenbeck ha fornito spunti straordinari su quella che viene chiamata comunemente la “teoria delle bolle”. Questo lavoro ha dato ai fisici teorici gli strumenti per descrivere superfici complesse come le bolle di sapone, che sono molto difficili da trattare matematicamente. Uhlenbeck affrontò i grandi enigmi posti da tali superfici, “superfici minime”, così come la loro interazione con forze fisiche come l’elettromagnetismo e le forze nucleari.

I suoi studi hanno aiutato a risolvere alcuni dei problemi più difficili della fisica delle particelle, nella teoria delle stringhe e nella relatività generale, migliorando la nostra comprensione fondamentale del mondo.

Il suo è un doppio riconoscimento perché è la prima donna ad aver ricevuto il premio. La matematica ha dedicato gran parte del suo lavoro allo sviluppo della futura generazione di matematiche femminili, e questo lavoro è forse altrettanto importante della sua stessa ricerca. Come lei stessa ricorda, è stato difficile per lei costruirsi una carriera come matematica perché molti posti non assumevano donne.

Uhlenbeck dice che le cose sono progredite in modo significativo, ma c’è ancora molta strada da fare – non solo per le donne in matematica ma anche per le minoranze. “Penso che se avessi cinque anni in più, non ce l’avrei fatta. Adesso è meglio, ma mi preoccupo molto delle altre minoranze. Ci sono molte donne e minoranze in grado di essere grandi matematici “.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.