Anna Coliva, Direttrice della Galleria Borghese di Roma nel presentare la Mostra “Lucio Fontana. Terra e orodal 22 maggio al 28 luglio alla Galleria Borghese di Roma, da lei stessa curata con un saggio di Germano Celant nel catalogo edito da Silvana Editoriale d’Arte, lo definisce “il più grande artista italiano del Novecento”. Ben cinquanta le opere in Mostra: ventotto suoi Crocefissi in ceramica, eseguiti tra il 1948 e il 1954, risaltano nei saloni tra i marmi del Bernini padre e i gruppi marmorei di Bernini figlio, in un accostamento solo apparentemente azzardato.

Mostra lucio fontana
Mostra LUCIO FONTANA. TERRA E ORO Galleria Borghese Veduta dell’installazione, 2019 Ph. Niccolò Ara © Fondazione Lucio Fontana by SIAE 2019

Dopo aver ospitato Bacon, Giacometti e Picasso, la Galleria Borghese torna a mettere la propria collezione in dialogo con i maestri della modernità e del contemporaneo. Questa volta tocca a Lucio Fontana (Rosario, Argentina, 1899 – Varese, 1968), padre dello Spazialismo: si tratta del primo artista italiano di questo ciclo. Dal 22 maggio, in occasione della mostra “Lucio Fontana. Terra e oro” saranno esposte le opere realizzate dall’artista tra il 1958 e il 1968, allestite in due sale nel piano dedicato alle sculture e in sei sale nella galleria delle pitture al piano superiore. Tra i temi principali c’è la questione dello spazio, un problema dell’arte figurativa trasversale a tutte le epoche, che gli artisti hanno affrontato nei modi più disparati. “Non la distruzione del quadro-sottolinea l’Artista-ma una dimensione al di là del quadro, un gesto di libertà”.

Mostra lucio fontana
Mostra Lucio Fontana

L’opera di Fontana, sotto questo aspetto, rappresenta una rivoluzione storica, in quanto abolisce la rappresentazione dello spazio per crearlo, attraverso i suoi celebri TagliBuchi. Fondamentale è anche la presenza dell’oro che, da segno di potenza e ostentazione nell’età barocca, diventa astrazione anti-naturalista, parte della struttura stessa dell’opera che cattura la luce circostante. Gran lavoro per la curatrice Anna Coliva che è riuscita a riunire una vasta serie di lavori in oro provenienti da collezioni pubbliche e private in tutto il mondo, piccolo rammarico solo non avere il lavoro color oro di proprietà dello stato italiano che per un prestito negato è rimasto attaccato alle pareti della residenza dell’ambasciatore italiano a Tokyo. Vicine alla maniera seicentesca sono invece le Crocifissioniscosse da un movimento impetuoso riscontrabile nell’uso della ceramica. Queste ultime sono presentate in una colossale installazione al piano terra.

Mostra Lucio Fontana
Mostra Lucio Fontana

Mai visti tutti in una volta ventotto Crocefissi, quando per Fontana l’Arte era “usare qualunque materia”, ed era “creata con le mani e con l’anima”. Ceramiche alte quaranta centimetri, : il Cristo che si staglia, pieno di asperità,. Un barocco forse spinto al parossismo che si lega egregiamente con l’ambiente e le altre opere esposte in Galleria. E poi, due grandi realizzazioni altamente simboliche: “Arlecchino” e “Fiocinatore”, sempre sperimentando infinite materie.

A questa prima parte della Mostra-la Terra-segue al piano superiore della Galleria Borghese la seconda parte-l’Oro: monocromi soltanto color oro, spesso in rame. Tra i più suggestivi “Venezia era tutta d’oro” riflettentesi in “Amor sacro e Amor profano” di Tiziano del 1961, prestato dal Thyssen di Madrid: un unico taglio produce cerchi concentrici a rilievo, somiglianti alle onde di un sasso lanciato in uno stagno. La “Regina delle rose” del 1948 esalta il Barocco alla massima potenza, così come uno tra i belli dei “Concetti spaziali” risalta sotto la “Dama con liocorno” di Raffaello.

Mostra Lucio Fontana
Mostra Lucio Fontana

Il Novecento – conclude la Direttrice della Galleria Borghese, Anna Coliva è l’unico secolo assente dalle collezioni della Galleria Borghese. Questa, come le mostre realizzate in questo contesto, vuole costituire un originale approfondimento sui temi della galleria. Per una serie di misteriosi motivi, Lucio Fontana non ha mai goduto della giusta considerazione a Roma. Risale al 1998 l’ultima mostra relativa a Fontana scultore. Vi chiederete forse perché abbiamo scelto proprio la Galleria Borghese, un luogo non moderno e forse poco adatto ad accogliere un artista del Novecento. Probabilmente per la straordinaria varietà di stili, passioni, per quella spiccata individualità che il nostro museo offre ai visitatori. Nel luogo deputato a rappresentare lo spazio in modo simbolico, illusorio, sempre in relazione con l’oro, come nel corso della storia dell’arte è stato fatto, Fontana, colui che il problema dello spazio lo ha affrontato e risolto attraverso i buchi e poi con i tagli, si colloca a pieno titolo tra le sale della Galleria Borghese”.



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Paolo Spirito
Trentino di nascita (Cles, 19/08/1955), vive e risiede a Roma. Laureato in Lettere Moderne con Lode nell’A.A. 1979-80, presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Giornalista Pubblicista, Programmista-Regista RAI e Autore Televisivo, già Responsabile dell’Ufficio Teatro Prosa della Presidenza Nazionale dell’A.G.I.S.-Associazione Generale Italiana dello Spettacolo. Ha collaborato alla realizzazione di molti programmi di successo: “Scuola Aperta”, “Italiano e Italiani, oggi nel mondo”, “Pronto…Chi Gioca?”, “Il Piacere di Conoscere”, “L’Ago della Bilancia”, “Tutto sul Due”, “I Fatti Vostri”, “Detto tra noi”, “Cronaca in Diretta”, “Made in Italy”, “Uno Mattina Estate”, “Check Up”, “Una notte a Sirminione”, “Uno Mattina Sabato & Domenica” e per ultimo “Linea Verde” per Raiuno cui attualmente collabora. Autore di documentari televisivi, ha ideato e diretto: “Pieve di Cadore Film Festival”, “BrixenART Film Festival”, “Flower Film Festival di Assisi”, “Valsolda Schermi d’Arte 2012”, “Ponza Schermi d’Arte”, “Capri Schermi d’Arte”, “Furore, Schermi d’Arte 2015-Massimo Ranieri, l’Avventura del Cinema”, “Minori, Schermi d’Arte 2018”, “Genzano, Schermi d’Arte 2018: Omaggio a Toni Servillo”. Nel 2007 ha scritto soggetto e sceneggiatura del film “Sogni Reali” con Giorgio Albertazzi e Paola Saluzzi. Il 10 ottobre 2015 gli è stato conferito, nel Comune di Furore (SA), il Premio Furore di Giornalismo per la sua lunga attività a Linea Verde Raiuno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here