Ritrovato il relitto più antico del mondo nel Mar Nero, perfettamente conservato

È stato ritrovato a largo della costa della Bulgaria, nelle profondità del Mar Nero, il relitto più antico del mondo. La nave greca ha più 2400 anni ed è perfettamente conservata.

Il relitto più antico del mondo nel Mar Nero

Un ritrovamento questo di notevole importanza, si stima infatti che la nave greca risalga introno all’anno 400 a.C. È stata ritrovata nelle profondità del Mar Nero, a circa 80 km dalla costa bulgara, era adagiata a 2 mila metri di profondità e gli archeologi l’hanno definito il relitto di un naufragio più antico del mondo.

Non si sa quel sia stato il motivo, ma la nave affondò. Si pensa si trattasse di una nave mercantile greca naufragata circa 2400 anni fa ma che ancora si conserva straordinariamente bene con i suoi alberi, timoni e banchi di voga ancora al loro posto.

relitto più antico del mondo
Relitto ritrovato nelle profondità del Mar Nero (Black Sea Map)

“Una nave che sopravvive intatta dal mondo classico, situata in oltre 2 km di acqua, è una cosa che non avrei mai creduto possibile”, così ha affermato il professor Jon Adams, il principale ricercatore del Black Sea Maritime ArchaeologyProject (MAP). “Questo cambierà la nostra comprensione della costruzione navale e della navigazione nel mondo antico”.

Il relitto più antico del mondo nel Mar Nero

La scoperta di questa barca di 23 metri è stata fatta da un Remote Operated Vehicle (ROV) gestito dal Progetto Archeologico Marittimo del Mar Nero (MAP) che, secondo quanto riporta The Guardian, ha già ritrovato oltre 60 relitti storici durante un rilevamento triennale del Mar Nero. Una flotta di cosacchi del XVII secolo, navi mercantili romane, navi risalenti ai periodi ottomano e bizantino ed infine il ritrovamento di questa nave greca conservata in ottime condizioni.

Oltre alla struttura dell’imbarcazione perfettamente mantenuta, il ROV ha scoperto anche alcuni esempli di ceramica greca. Il vaso in ceramica raffigura una scena leggendaria: l’eroe Odisseo legato all’albero della sua nave, mentre salpava davanti a tre mitiche sirene la cui irresistibile melodia conduceva i marinai alla morte. Odisseo, assicurato con strette corde all’albero, poté ascoltare la melodia mortale delle sirene senza rischiare la vita.

E’ molto raro ritrovare navi in fondo la mare perfettamente conservate, spesso proprio queste condizioni apportano maggiore degrado ai relitti. Il ritrovamento di questa nave è dunque una grande scoperta, ma non è un caso che abbiamo mantenuto il suo aspetto intatto. Infatti l’insolito ambiente fisico e chimico del Mar Nero ha giocato a suo favore. Le sue acque profonde non si mescolano con gli strati superiori di acqua che ricevono ossigeno dall’atmosfera. Di conseguenza, oltre il 90% del volume di acqua nelle profondità del Mar Nero è quasi completamente privo di ossigeno, questo ha contribuito a preservare la nave.

Leggi anche: Il modello Riace: tra Platone, Aristotele e Raffaello


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here