Siamo giunti come ogni metà di marzo alla festa di San Patrizio, il patrono della verde terra smeraldo, che viene festeggiato in ogni parte del mondo sia con valenza religiosa che con una vera e propria celebrazione della cultura irlandese.

Una festa che coinvolge tutti

San Patrizio
Birra verde (foto by Unsplash)

La celebrazione del 17 marzo, giorno della festa di San Patrizio, oltre allla repubblica D’Irlanda, coinvolge ogni parte del globo. In primis gli Stati Uniti, paese in cui è presente un altissimo numero di immigrati irlandesi. Qui i festeggiamenti sono iniziati a partire dagli anni 20’. Addirittura città come Chicago e Boston, oltre a fare festa in strada, si scontrano anche sul campo da basket, visto che la partita Chicago Bulls vs Boston Celtics si gioca spesso nel mese di marzo.

Ma chi è San Patrizio?

La cosa vi sorprenderà, ma la maggior parte delle fonti storiche ci fa credere che il patrono irlandese nacque nella Britannia romana, ovvero nell’attuale Inghilterra ed era di origini scozzesi. Il suo nome sembra essere Maewyin Succat, e raggiunse l’Irlanda solo all’età di 16 anni come schiavo venduto al re della contea di Antrim. Solo dopo 6 lunghi anni riuscì a scappare e tornare uomo libero. Si dice che fu Papa Celestino in persona a battezzarlo col nome si San Patrizio, affidandogli la missione religiosa di cattolicizzare l’Irlanda estirpando la cultura celtica dell’Isola.

Moltissime sono le leggende che ruotano attorno alla figura del Patrono Irlandese. Tra le più celebri la cacciata dei serpenti dall’isola o la custodia della grotta che faceva da tramite con il Purgatorio, il famoso Pozzo di San Patrizio.

In quale altro modo si può celebrare il giorno di San Patrizio?

La più classica delle scelte è quella di riversarsi in strada per gustarsi la parata della propria città. In mancanza di una parata nelle vicinanze si può benissimo cercare l’Irish pub del posto e sedersi ad ascoltare un gruppo di musica tradizionale irlandese con un violino (chiamato fiddle nella musica irish trad.) o banjo che suonano a ritmo di Reels, Jigs o Polkas.

E mentre tutto il pub canta a squarciagola Molly Malone o Whiskey in the Jar, possiamo gustare qualche specialità irlandese. Tra i piatti tipici possiamo elencare: lo spezzatino alla Guinness (vi lascio immaginare il motivo di questo nome) o un bel piatto di fish & chips. Il tutto, ovviamente, accompagnato da qualche pinta di Guinness in più del solito!


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.