Scattare una foto altera il ricordo dell’evento o dell’oggetto. Ma perché?

Una ricerca ha dimostrato come scattare una foto o registrare un video rende difficile ricordare nel tempo quel momento.

Sei al concerto della tua band preferita, non vedi l’ora di gustarti dal vivo lo spettacolo e vedere con i tuoi occhi la band in azione. Ma alzando lo sguardo l’unica cosa che vedrai sarà un mare di smartphone pronti ad immortalare ogni piccolo dettaglio del concerto ed incamerarlo nella piccola scatola digitale. In tal modo, queste persone non solo non riescono a vivere la gioia del momento presente, ma potrebbero addirittura avere difficoltà a ricordare tutti i dettagli più nitidi più tardi.

scattare una foto
Photo credit: veeterzy by unsplash.com

La ricerca ha dimostrato che quando scattiamo una foto abbiamo difficoltà a ricordare quel momento o quel soggetto in seguito. Una possibile spiegazione è che siamo meno attenti a un’esperienza che sappiamo essere archiviata in modo sicuro all’esterno, in modo da poterla rivisitare in seguito. Quindi, conserviamo energia, sapendo che possiamo accedere alla memoria in un secondo momento. Tuttavia, un nuovo studio condotto da psicologi presso l’Università della California ha dimostrato che la memoria soffre se le persone si aspettano di accedere a una foto o meno.

La memoria transattiva è un’ipotesi psicologica proposta per la prima volta da Daniel Wegner nel 1985 come risposta alle precedenti teorie sulla “mente di gruppo” come il pensiero di gruppo. L’idea è che le persone codifichino le informazioni non solo internamente, nella loro memoria, ma anche esternamente – nei diari, nei libri o persino nella memoria di altre persone. I sistemi di memoria transattiva sono costruiti su questa visione di individui che svolgono il ruolo di memoria esterna per altri individui che, a loro volta, codificano meta-memorie (cioè memorie sui ricordi degli altri). Ad esempio, uno studio condotto da Linda Henkel, uno psicologo cognitivo alla Fairfield University, che ha coinvolto la realizzazione di foto di dipinti in un museo, ha dimostrato che amici di lunga data hanno creato un sistema di memoria condivisa tra loro. Si ricordano certi dettagli sui dipinti, che il partner non poteva, e viceversa.

I ricercatori dell’Università della California hanno eseguito uno studio basato sul lavoro di Henkel. Hanno reclutato 50 studenti universitari per i tre esperimenti. Nel primo, agli studenti sono state mostrate immagini di vari dipinti uno per uno. Gli studenti dovevano prima scattare una foto della foto sullo schermo, poi avevano 15 secondi per studiarla. Nel secondo esperimento, gli studenti hanno dovuto scattare una foto del dipinto, solo per eliminare immediatamente la foto in seguito, quindi procedere ad esaminare il dipinto per 15 secondi. Nell’ultimo esperimento, gli studenti hanno dovuto esaminare i dipinti con assolutamente nessuna immagine coinvolta.

Dieci minuti dopo che gli esperimenti erano terminati, ogni partecipante doveva completare un test di memoria a scelta multipla che valutava ciò che potevano ricordare su vari dipinti. I partecipanti hanno avuto una performance peggiore quando hanno fotografato i dipinti rispetto a quando non l’hanno fatto. Infatti, hanno mostrato quasi lo stesso livello di prestazioni, indipendentemente dal fatto che memorizzassero la foto o la cancellassero.

” Anche se resta da vedere se i risultati attuali si generalizzano ad altri tipi di condizioni, le nostre scoperte suggeriscono che fotografare può compromettere la capacità di una persona di ricordare i dettagli delle esperienze fotografate, un effetto che sembra indugiare anche dopo che la fotocamera è stata messo giù “, gli autori hanno scritto nel Journal of Applied Research in Memory and Cognition.

Secondo la loro ipotesi, semplicemente l’atto di scattare una foto può produrre la sensazione che sia stata eseguita una codifica corretta anche se l’attenzione è stata focalizzata sulle caratteristiche periferiche. In altre parole, non puoi ricordare anche perché hai la falsa idea che hai fatto uno sforzo per ricordare, quando, in effetti, non l’hai fatto.

Lo studio invita a godersi in prima persona l’evento a cui si sta assistendo, e in caso chiedere alle numerose persone che stanno fotografando di passarti le foto più tardi mentre ti godi il momento!

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.