Nel 2016 ad attirare l’attenzione degli scienziati sono sono stati degli strani nastri viola e bianchi, che sono stati classificati come fenomeni appartenenti ad un nuovo tipo di aurora, potrebbero essere molto di più!

STEVE un nuovo tipo di aurora boreale

In realtà, il bellissimo raggio di luce, chiamato STEVE, potrebbe essere molto più di un aurora. I fisici, dopo molti studi hanno concluso che potrebbe essere effettivamente un fenomeno celeste completamente nuovo.

Gli studiosi e appassiona di aurore boreali hanno osservato a lungo STEVE per decenni, ma solo di recente sono riusciti a dare un senso a questo meraviglioso fenomeno di luci.

Inizialmente i fisici classificarono STEVE come un “arco protonico” – un altro raro tipo di aurora, che non è causato dagli elettroni che colpiscono il campo magnetico terrestre ma da esplosioni di protoni più massicci a seguito di un brillamento solare. Successivamente, con l’aiuto della NASA, che ha inviato uno sciame di satelliti proprio durante un evento STEVE, gli scienziati hanno scoperto che particelle cariche accelerate e riscaldate potrebbero aver interagito con una particolare parte del campo magnetico terrestre nella ionosfera. I dati hanno suggerito che STEVE è una “deriva dello ione subaurorale”.

nuovo tipo di aurora
STEVE un nuovo tipo di aurora boreale (focus.it)

Tuttavia, i ricercatori dell’Università di Calgary in Canada non erano convinti. STEVE brilla in sottili nastri viola, piuttosto che in tende rosse, verdi o gialle, come nel caso delle tipiche aurore. Questo ha suggerito che lo spettacolo di luci è tagliato da un tessuto diverso da un’aurora. Un altro indizio è che STEVE è visibile solo alcune volte all’anno mentre le aurore sono visibili ogni notte se le condizioni di visualizzazione sono ottimali.

I ricercatori hanno deciso di concentrarsi sull’apparizione di STEVE nel marzo 2008. L’analisi ha mostrato che la luce di STEVE non è prodotta dalle particelle che piovono nella ionosfera, come tipicamente accade con l’aurora. Ciò significa che STEVE è un fenomeno completamente nuovo distinto dalle aurore tipiche.

“La nostra conclusione principale è che STEVE non è un’aurora”, ha detto Bea Gallardo-Lacourt, un fisico spaziale dell’Università di Calgary in Canada e autore principale del nuovo studio. “Quindi adesso, ne sappiamo molto poco. E questa è la cosa bella, perché questo è stato conosciuto dai fotografi per decenni. Ma per gli scienziati, è completamente sconosciuto. ”

Il nuovo tipo di fenomeno ottico si chiama “skyglow“, così gli autori hanno scritto sulla rivista Geophysical Research Letters. In futuro, i ricercatori hanno in programma di determinare se i flussi di ioni veloci e di elettroni caldi nella ionosfera stiano creando la luce di STEVE, o se la luce viene prodotta più in alto nell’atmosfera. Nel processo, gli scienziati acquisiranno una migliore comprensione dell’alta atmosfera e dei processi generatori di luce nel cielo.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.