Con l’arrivo del weekend voglio darvi un consiglio su cosa andare a vedere al cinema, per farlo vi parlerò della testa e della coda del box office.

Se partiamo dalla cima della classifica, il film più visto in questi ultimi giorni è sicuramente Avengers: Endgame l’ultimo capitolo della saga dell’MCU iniziata otto anni fa. Un film di altissima spettacolarità che però non è neanche necessario consigliare di andarlo a vedere al cinema.
L’altro film che ha riscosso molto successo in Italia, l’unico altro film che sta facendo grandi incassi è la pellicola di Riccardo Milani con Paola Cortellesi, Ma cosa ci dice il cervello, una commedia molto delicata, piacevole, divertente che non va mai né sul triviale né sul banale e che riesce a sfruttare il talento comico di Paola Cortellesi in modo in parte diverso da quello a cui siamo abituati.

oro verde
Oro verde. C’era una volta in Colombia

Ma il consiglio spassionato è quello di guardare in fondo al box office! Perché mentre questi due film occupano ben mille degli schermi presenti in Italia, ce n’è uno che in questo momento è presente soltanto in sei sale su tutta la penisola, che però vale la pena fare lo sforzo di ricercarlo e di andarlo a vedere, il film si chiama Oro verde, il sottotitolo che gli abbiamo dato in Italia è C’era una volta in Colombia ed è un film bellissimo! Parla a suo modo di narcotraffico, un argomento al quale siamo stati abituati ultimamente dalla serie Narcos o da altre serie che stanno affrontando questa tematica, ma lo fa in una maniera molto profonda, autoriale e di ampissimo respiro. Parla anche di come si è trasformata una società che è stata uguale a sé stessa per secoli con l’avvento del capitalismo, dagli anni ’60 ad oggi come tutto è cambiato e come tutto finisce.

Da semplici pastori a esperti uomini d’affari, le origini del narcotraffico in Colombia attraverso la storia epica di una famiglia indigena wayuu. La capofamiglia Ursula, l’audace Raphayet e la bella Zaida scopriranno la ricchezza, ma anche i suoi risvolti tragici. Avidità e sete di potere metteranno a repentaglio le loro vite, la loro cultura, i loro riti ancestrali.

Il consiglio è: cercate le sale che ancora programmano Oro verde, fidatevi e andatelo a vedere!


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Glauco Almonte
Nato a Roma nel 1981, dopo la laurea in Studi Culturali Italiani all'Università La Sapienza si trasferisce nella Tuscia per lavoro; nel 2004 fonda la rivista online "Cinema del Silenzio"; nel 2007 crea "Est Film Festival" a Montefiascone, manifestazione cinematografica dedicata agli autori emergenti attorno alla quale si sviluppa un lavoro sul territorio di vera a propria imprenditoria culturale, che coinvolge scuole primarie e secondarie, l'Università della Tuscia e le più importanti aziende della provincia di Viterbo. Nel 2017 dà il via a due nuovi progetti: "Civita Cinema", manifestazione dedicata alla settima arte in tutte le sue forme sul territorio di Bagnoregio e della sua perla Civita di Bagnoregio, e "Cinema & Terme", una rassegna dei titoli più interessanti del momento da vedere immersi nella vasca monumentale delle Terme dei Papi di Viterbo.